Maurizio Garuti, narrativa, satira, romanzi, teatro, Parole come virus, Vito, Fantasmi di pianura, Fermi tutti c'è il tiggì, Il romanzo del Reno, Il plei boi della bassa, Amarcord, follie della bassa, Bella ciao, La pianura delle donne, Donne, Donne & Ricette, La casa dei ferrovieri, Comix, Bologna, Emilia-Romagna, Romanzo, Monologo, Fonti orali, Narrazione orale
Maurizio Garuti - Storie
Maurizio Garuti - Storie
Maurizio Garuti - Home Maurizio Garuti - Narrativa
Maurizio Garuti - Chi sono Maurizio Garuti - Teatro
Maurizio Garuti - Presentazione Maurizio Garuti - Storie
Maurizio Garuti - Contatto Maurizio Garuti - Biografie
Maurizio Garuti - Storie
Maurizio Garuti - Storie
Maurizio Garuti - Storie
Maurizio Garuti - Storie

 

Un'idea di Molinella
Architetture, paesaggi, storie
Minerva, Bologna, 2013, pp. 192

Da una mostra promossa dagli Amici dei Monumenti nasce questo volume che è molto di più di un semplice catalogo. Le fotografie di Daniele Poli – selezionate, descritte e commentate da Maurizio Garuti – offrono un ritratto inedito e straordinario di Molinella. Per i lettori, per le scuole, per gli studiosi del territorio, un’opera di sicuro interesse su una città che ha un significato e una vocazione nel panorama dell’Emilia-Romagna e dell’Italia.

 

 

 

 

 

 

 

 

Compagni di scuola, compagni di sempre
Una classe nel corso della vita
Pendragon, Bologna, ottobre 2010, pp. 318

Diciotto adolescenti, nei felici anni Sessanta, si ritrovano in un’aula scolastica, conquistano un diploma, poi si sparpagliano nell’avventura del lavoro e della vita, restando eccezionalmente uniti fra di loro. Partendo da una serie di conversazioni con ciascun protagonista di questa esperienza (epicentro a San Giovanni in Persiceto, nella pianura bolognese), l’autore tira i fili di un romanzo corale, fatto di storie vere che si dipanano lungo sessant’anni. Ma soprattutto il lettore trova la vita e i sogni di una intera generazione.

Recensione

La Repubblica,
Bologna, 26 ottobre 2010

Compagni di scuola, compagni per sempre di Maurizio Garuti (Pendragon) è un delizioso volume di memorie; attraverso le voci degli ex studenti di una classe dell'istituto di ragioneria “Einaudi” di San Giovanni in Persiceto, scorrono i tempi della vita: l'infanzia nei duri anni Cinquanta, l'adolescenza vissuta a cavallo del '68, l'età adulta, quella del lavoro, della famiglia, dei lutti, che li ha portati oggi alla soglia dei sessant'anni. Fra San Giovanni e Sala Bolognese, fra Sant'Agata e Lorenzatico il volume ci consegna immagini vivissime: il  lavoro dei campi, le case riscaldate con la stufa a carbone, le inondazioni per la rottura dell'argine del Samoggia, le commissioni per le madri sarte in merceria a comprare bottoni e gros grain, e quel bimbo che si costruisce la chitarra con un setaccio e i cavi da freno della bicicletta. Poi si va a scuola e si arriva fino alle superiori spesso col sacrificio delle famiglie perché i figli non rimangano ignoranti, perché “un domani!”... Entrano in una scuola nuova di zecca, l'istituto “Einaudi”, luminosa ed attrezzata. E qui, nel quinquennio 1966-1971, i compagni di scuola si accingono a diventare compagni per sempre. Colpiscono in questo libro soprattutto i dettagli: il più bravo della classe che “sembrava fosse venuto giù da un monumento a fare quattro passi”, il '68 che raggiunge il punto di più alto conflitto nella “vertenza dei panini imbottiti”, le mitiche fughe del figlio del bidello in Svizzera a trovare la fidanzata. Poi gli anni adulti: chi aspira a fare il ragioniere e va a fare il falegname; chi fa carriera e, con tanto di cravatta Hermès, entra nel Who's Who veronese; chi, andando ad un colloquio di lavoro col titolare di un'azienda, scopre che è l'uomo della sua vita; chi fa la casalinga occupandosi di figli, marito e zia Imelde centenaria; e c'è anche chi è assunto in banca soprattutto perché c'è bisogno di uno che sappia giocare a calcio nel torneo interbancario.
La perizia di Maurizio Garuti sta anche nell'abilissimo montaggio grazie al quale sembra che su ciascuna tappa della vita, su ciascun argomento le varie voci producano una discussione collettiva ancor oggi aperta e suscettibile di sviluppi impensati. È un racconto in cui la varietà delle voci, dei punti di vista, dei registri linguistici, delle tonalità a volte gravi a volte scherzose ci restituisce con vivezza il romanzo della vita.

Alessandro Castellari

 

Le storie dello zucchero
Minerva Edizioni, Bologna 2009

Le storie dello zucchero, di Maurizio GarutiVicende e personaggi dello zuccherificio di San Giovanni in Persiceto (1969-2004)

Fotografie di Arnaldo Pettazzoni

Allo zuccherificio s’incontravano lo studente universitario, nelle vesti di operaio di passaggio con un futuro di belle speranze, e il bracciante agricolo, ultimo discendente di quel ceto che a forza di braccia ha modellato il paesaggio agrario della pianura. Fra questi due estremi, una schiera di tecnici e di operai specializzati, che rappresentavano le maestranze stabili, occupate tutto l’anno. Da tutto ciò uno straordinario incrocio di destini, di storie, di umanità,
di cui questo libro vuole essere la narrazione.

 

Donne e ricette dalla prateria bolognese
L'Artiere Edizionitalia, Bologna 2000

Storie e saperi gastronomici delle donne della pianura bolognese. Un libro corale di vita vissuta.

Partecipazione straordinaria di Vito.
Fotografie di Fabio Fantuzzi.

«Il più delle volte finiscono nel cassonetto della raccolta differenziata; in qualche caso li passo alla biblioteca; una, due volte l’anno l’eccezione, che va a finire negli scaffali strapieni delle mie librerie. Libri di ricette, volumi di cucina, scritti senza amore, spudoratamente copiati o frettolosamente stampati...
Poi, ogni tanto, l’emozione, la commozione, la fiaba, il sogno.
Sarà l’uso del bianco e nero nelle fotografie, sarà la parola, il discorso diretto, l’eloquio schietto e semplice, saranno le storie, le vicende, i piatti, ma eccolo il capolavoro: “Donne e ricette dalla prateria bolognese”... è di una bellezza con pochi eguali.
Certo, ci sono gli ingredienti e il procedimento spiegato bene bene; ci sono le ghiottonerie della tradizione e del territorio, ma sono soprattutto le storie, affascinanti, sorridenti, tristi, disperate, che vi prenderanno non solo per la gola, ma anche per il cuore».

Edoardo Raspelli, “L’Espresso”, 11 maggio 2000

  Donne e ricette dalla prateria bolognese

 

Donne e amori dalla prateria bolognese
Diabasis, Reggio Emilia 2001

Prosegue la saga delle donne emiliane. Storie d'amore fra campi di canapa e fabbriche della periferia, dagli anni del fascismo agli albori del nuovo millennio.

Partecipazione straordinaria di Vito.

Fotografie di Fabio Fantuzzi.

«Maurizio Garuti, scrittore e autore di teatro, dopo aver esplorato l’universo delle donne della Bassa bolognese, la “prateria” come la chiama, alla luce delle storie di cibo e di cucina, con un secondo volume fotografico è andato al cuore del racconto. Ha raccolto, con pazienza presto sopraffatta da torrenti in piena di confidenze e confessioni, i racconti del cuore delle donne. Di 43 donne, per la precisione, donne di diversa estrazione sociale, età, cultura, generazione...
L’amore è, per definizione, materia romanzesca e questo libro dimostra fino a che punto incontri e abbandoni, passione e eros realmente vissuti possano assumere le tinte e le peripezie del romanzesco. A tal punto che per controbilanciare, forse, l’intensità dei veri racconti, Garuti ha fatto seguire, in appendice al volume, quattro storie che hanno per protagonista l’attore Vito: storie inventate, tagliate come i panni addosso al comico, al suo viso, alla sua voce, al suo personaggio, e che propongono quattro prototipi esilaranti e malinconici del latin lover della Bassa...
Non è un libro passatista, avverte l’autore. Ma è fuor di dubbio che i racconti di maggiore pathos siano quelli che attingono al passato – al tempo dei bombardamenti e dell’amore nei rifugi, al tempo del plaid legato alla Vespa e all’amore nei prati, al tempo dei divieti familiari e dei balli furtivi – e ai quali il tempo, prima che la morte trasformi il passato in destino, concede la benevolenza di una straordinaria tenerezza...
In questo libro ogni amore, in misura e con natura diversa, è comunque una prova: che dilata il tempo del vivere, e di cui l’anima si impadronisce, per meglio esprimersi».

Brunella Torresin, “la Repubblica, 22 dicembre 2001

  Donne e ricette dalla prateria bolognese

 

Il romanzo del Reno
Pendragon, Bologna 2004

Il romanzo del RenoNon è un romanzo. E' la storia di un fiume "randagio", dalla sorgente alla foce, dall'epoca romana ai nostri giorni, con tutto il contorno di umanità che si è avvicendato intorno alle sue rive. Storia raccontata dalla penna di un narratore, non di un erudito.

 

 

 

Storie di vita e di bottega
Minerva Edizioni, Bologna 2005

Storie di vita e di bottegaSan Giovanni in Persiceto nei racconti dei suoi negozianti "storici".

Nella bottega c'è il negoziante. Entra l'operaio, entra il contadino. E poi la casalinga, l'artigiano, l'imprenditore, l'avvocato. Entrano ed escono, come in una scena teatrale. Cambiano le merci sugli scaffali, cambiano i prezzi e le monete. Cambiano i discorsi e le storie, cambiano gli attori, mentre passano gli anni. La bottega è un osservatorio su un angolo di mondo, su un agolo di umanità.

 

 

Amori illeciti nella Legazione Pontificia
(coautore Anna Natali)
Pendragon, Bologna, 2006

Da profondo Ottocento sette storie di donne
tratte dai verbali di processi
per “congiunzione carnale illeggittima”.

 

 

 

 

 

 

 

 

La terra e l'acqua
Storie di pianura e di montagna fra il Reno e il Panaro
Minerva Edizioni, Bologna, 2007

“Libro unico nel suo genere: una storia della bonifica recente della montagna e della pianura fra Reno e Panaro raccontata attraverso i suoi protagonisti. Operai e ministri, tecnici e amministratori che a Garuti hanno raccontato del loro rapporto con le acque, le frane, le alluvioni, la paura della piena e la fatica di dominare gli elementi. E lui, lo scrittore già ben noto per i testi teatrali, a dare ordine alle memorie, agli episodi, ai caratteri degli uomini e delle donne...”

Gabriele Mignardi, “Il Resto del Carlino”

 

 

 

La generazione che non toccò il cielo
(coautore Fausto Anderlini)
Minerva Edizioni, Bologna, 2008

I sogni, le esperienze, i successi, i fallimenti, i percorsi umani e politici di una generazione ritratta in quel laboratorio sociale che è da sempre la pianura bolognese.
Sullo sfondo, il declino del Pci e il tramonto delle ideologie, nel lento passaggio a una nuova incerta stagione della politica.

“Se la nostalgia è una ‘storia d’amore col passato’, quella degli amministratori della pianura bolognese
tra gli anni ‘70 e ‘90 è finita con un malinconico addio.
Uno scenario in dissolvenza dolorosa raccontato in un libro di Fausto Anderlini e Maurizio Garuti, che ha come sfondo la Bassa bolognese, terra anfibia di acque e di terra, dagli ampi orizzonti e dalle forme generose e sensuali delle mondine...”

Valerio Varesi, “la Repubblica”, 14 luglio 2008

 

La memoria dell'acqua
nella pianura bolognese
Pendragon, Bologna, 2008

Una popolazione e un territorio raccontati seguendo le vicissitudini dell’acqua. L’autore amalgama gli ingredienti più svariati: l’osservazione del paesaggio con i suoi canali,
i suoi argini, i suoi maceri, i suoi pozzi; le fonti scritte disponibili nelle biblioteche; le tradizioni e la cultura orale; le informazioni provenienti dal dialetto e dai toponimi, ecc. Il risultato è una narrazione avvincente con una folla di protagonisti composta, nel corso del tempo,
da coloni romani, monaci benedettini, contadini, barcaioli, mugnai, mondine, scarriolanti, possidenti, bonificatori, tecnici idraulici. Un vasto corredo fotografico e iconografico,
in parte inedito, accompagna il lettore
in questo viaggio nel tempo.

by Telegraf
Maurizio Garuti
Via Giovan Battista Gornia, 30
40017 San Giovanni in Persiceto (Bologna)

e-mail : info@mauriziogaruti.it